Il lusso della pagina

Da Parole in corso di G.L. Beccaria del 5.11.2005, sul «ttL» de «La Stampa».

La struttura sociale, l’attività, l’economia, la cultura insomma di un popolo è sempre ben rispecchiata dalla lingua. Mi limito alla nostra culla latina. Fu un popolo di pastori e di contadini a fondare Roma, e nessuno avrebbe potuto pensare che un popolo di pastori e di contadini avrebbe in seguito fondato un impero dieci volte più grande dell’Italia d’oggi.

Di quelle origini rende testimonianza la lingua. Moltissime parole latine sono legate al lavoro della terra. Appartiene all’ambito contadino un verbo come derivare (da rivus «ruscello»), che passa da «far defluire un ruscello da un altro corso d’acqua» al senso più generale «provenire, per diramazione»; o l’aggettivo rivalis (ancora da rivus), perché «rivali» (e di solito in lite) erano coloro che confinavano sul rivo che divideva la proprietà. Un verbo come putare «stimare, contare», era dapprima «potare, mondare». Dal mondo rurale viene pecunia, derivato da pecus «bestiame», che ci rimanda alla fase arcaica del baratto, prima che si introducesse la moneta; da un mondo di pastori il verbo aggregare «aggiungere al gregge », e poi «riunire». Vedi il caso di pagina, lat. pangere «piantare, conficcare». Per i latini pagina era una piantagione, specialmente di viti: di qui il nome dato in seguito ad un insieme di righe scritte, quindi al foglio di carta che le conteneva, foglio che con quelle righe parallele pareva per l’appunto un campo con tanti filari. Di etimo rurale delirare «uscire dal solco», e così esagerare, che è il lat. exaggerare, da agger, originariamente «ammassare, fare argine, accumulare il terreno», poi «ingrandire la proprietà», perciò, in senso figurato, «amplificare». Notevole ancora il caso di aggettivi come il lat. pauper «povero», che si attribuiva al terreno “che produce poco”, mentre felix «felice» in un primo tempo voleva dire soltanto «[TERRENO] che produce», e anche luxus «rigoglio, esuberanza» era riferito dapprima soltanto alla vegetazione eccessiva.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...