Zany

Un tizio, un blogger, commenta la politica italiana definendola zany (dimostrando una non irrilevante mancanza di discernimento, si chiede pure sarcastico perché l’America non abbia una politica simile).

L’aggettivo è splendido!

Zany:

L’OED lo registra come sostantivo, aggettivo e verbo. Deriva da zani o zanni, “name of servants who act as clowns in the Commedia dell’Arte. Properly the Venetian and Lombardic form of Gianni = Giovanni John, cf. Zanipolo, the title of the church of St. John and St. Paul in Venice), used as an appellative for a porter (or the like) from the mountain country of Bergamo who had taken service in a seaside town.”


1.  A comic performer attending on a clown, acrobat or mountebank, who imitates his master’s acts un a ludicrously awkward way
2.  a. An attendant, follower, companion, assistant (contemptous) b. An imitator, mimic, esp. a poor, bad, feeble one c. One who resembles, or acts like, a buffoon  d. A fool, simpleton, ‘idiot’ (attestato dal 1558)

Pletora di sinonimi qui:

Adjective
* S: (adj) cockamamie, cockamamy, goofy, sappy, silly, wacky, whacky, zany (ludicrous, foolish) “gave me a cockamamie reason for not going”; “wore a goofy hat”; “a silly idea”; “some wacky plan for selling more books”
* S: (adj) buffoonish, clownish, clownlike, zany (like a clown) “a buffoonish walk”; “a clownish face”; “a zany sense of humor”

1 TS teatr., personaggio della commedia dell’arte che rappresenta il servo scaltro e imbroglione o il servo sciocco e goffo

2 BU estens., buffone, pagliaccio: fare lo z.

(De Mauro)

Sia il Devoto-Oli che lo Zanichelli fanno risalire zanni al veneziano. Qui (Parmigiani) l’etimo.

[L’articolo che ha fatto sgorgare il commento è nello Spiegel International che dipinge un simpatico bozzetto della politica italiana prossima alle elezioni politiche: a colorful political menagerie (un variopinto serraglio politico), in cui spiccano ex ministri appassionati di t-shirt, principesse sicule (??), trans-neo-comunisti, nipotine di capoccioni, padani che stringono la mano a separatisti etnei e molto altro. Prodi si becca del contentiuous (litigioso), se ne sottolinea lo spropositato programma di 281 pagine (cfr. qui) e dell’Unione si dice con termine lusinghiero che è una ragtag band (ragtag è spregiativo per canaglia, marmaglia): una corte dei miracoli, insomma. Cui si contrappone “Mi-consenta”, l’Unto della politica, trafitto da una corona di left-wing pollsters, di sondaggisti di sinistra.]