Spaccarsi la testa contro il muro della società

Nel 1935, a Parigi, Anna Seghers afferma davanti ai partecipanti del convegno per la difesa della cultura: «Raramente nella nostra lingua è nata un’immagine poetica della società nel suo complesso. Grandi casi isolati, spesso terrificanti…ogni volta era come se la lingua s’infrangesse contro il muro della società.» Fa qualche esempio: Hölderlin, Büchner, Kleist, Günderode… «Questi poeti tedeschi hanno composti inni sulla loro terra, e si sono spaccati la testa contro il muro della società. Ciò nonostante l’amavano, la loro terra.»

Christa Wolf in «Contrasti». Per il centenario della nascita di Anna Seghers, contenuto qui, p. 78.

Annunci