Franchi e ventilati

Ogni tanto io la sera uscivo con Franz il triestino, a passeggiare per le strade dopo cena, a bere qualcosa in una tampa piena di fumo e di uomini con gli occhi rossi e il viso duro, bluastro, a cantare. Io cerco sempre la compagnia dei triestini, perché sono uomini franchi e ventilati, aperti e disponibili a influenze composite, slave, asburgiche, dalmate e veneziane. E poi Franz sapeva un mucchio di cose.*

(colto da questa lettura ad alta voce)

* Luciano Bianciardi, La vita agra, Bompiani, Milano 2002 (orig. Rizzoli 1965), p. 20 seg.

Annunci