Trascinante come la fisarmonica

La seconda sortita a Milano è stata ancora più bella della prima. Una settimana fa il caso ha voluto che provassi l’inedita ebbrezza di stare sul palcoscenico in quanto autrice in seconda, da sola. Due sere fa la gente mi salutava e mi sorrideva come se il personaggio fossi io e tutto ciò mi divertiva parecchio. E un po’ personaggio lo ero, visto che sono stata invitata, ospitata e trattata con guanti di pizzo. Esilarante (da darsi i pizzicotti pensando: Quand’è che suona la sveglia?)

Il Premio Edoardo Kihlgren Opera Prima (per il sito usare IE) – che dal prossimo anno sarà associato alla città di Milano – è un’iniziativa davvero lodevole. Da un’ottantina di libri si scelgono tre opere di autori esordienti al di sotto dei trentacinque anni che vengono poi lette e votate da giovani: quelli di sette scuole milanesi e quelli che frequentano il centro Barrio’s, una chiazza di cultura in mezzo alla Barona, un quartiere che non è esattamente Brera o l’Isola…

E’ stato tutto favoloso: favolosa l’organizzazione, favoloso l’albergo dove mi hanno offerto di dormire, favolose le persone, favoloso il folto pubblico giovane, favolose le musiche che accompagnavano le letture, favolosa soprattutto Lella Costa con la sua verve e la carica di emozioni che riusciva a infondere alle pagine.

Della Storia del soldato ha letto un medley sagacissimo del secondo capitolo (Quanto è dolce il rosso cupo, quanti buoi ci vogliono per una parete, perché il cavallo di Kraljevic Marko è parente di Superman e come può capitare che una guerra vada a una festa): vi impera l’inarrestabile bisnonno Nikola, ma per la prima volta, ancora latente e ancora dominabile, si intromette la guerra. Prima e dopo le musiche di un russo che io avrei detto irlandese per la lunga chioma fulva e ricciuta, un imperioso, impetuoso suonatore di fisarmonica, che ha strappato a ragione gli applausi più vivaci.

Poi Lella Costa ha letto il capitolo con le telefonate alla ricerca di Asija (Di trecentotrenta numero di Sarajevo scelti a caso, circa uno su quindici è una segreteria telefonica):** pagine che mi hanno straziato con una forza tutta nuova, la carica drammatica che Lella ha saputo trasfondergli, arrivando in fondo quasi in lacrime…

Un giorno un eccelso domandatore domandò:
chi è, cos’è? Perdonami!
Dov’è,
da dove viene,
dove va
questa Bosnia?
Dillo!
E il domandato diede una rapida risposta:
Da qualche parte c’è una specie di Bosnia, perdonami,
un paese gelido e arido,
nudo e affamato,
e oltre a ciò,
perdonami,
recalcitrante
al sonno.***

Ah, chi ha vinto?

Saša è arrivato secondo di tre, un ottimo risultato tenendo conto che giocava pesantemente in trasferta. Gli altri della terzina, infatti, erano una zoologa milanese malata d’Africa e un pugliese dalla scrittura interessante, o almeno una scrittura che Lella Costa ha saputo rendere con maestria. Uhm, forse lo leggerò. Si mormorava che ci fossero stati non più di cinque voti di scarto; e poi, non posso dire altro ma ho recepito favori da figure importanti che non rivelerò qui. Nel bailamme del post-proclamazione sono riuscita a comunicare a Saša il piazzamento via sms. Replica immediata, dalla Francia: SUPER, freue mich sehr, ecc. Insomma, gaudio di qua e di là delle Alpi (il mio, poi, perché mi sono guadagnata anche i complimenti di Lella, vergati pure sul libro. Me li guarderò nei momenti di scoramento).

P.S. Il video è terribile, lo so. Nemmeno Von Trier nei momenti più vagolanti di dogma spinto riuscirebbe a far tanto. E poi è tagliato malamente. A mia parziale giustificazione: è il primo video della mia vita. Quello con Lella Costa che legge lo sto manipolando con vari mezzi, a gran danno dell’audio, quindi forse rimarrà riservato al mio personal diletto. Se poi mi riuscisse di cacciare i video nei post, sarebbe anche bello; invece nisba.

* Da pag. 34 a pag. 45
** Pagg. 216-220
*** Poesia di Mak Dizdar, pag. 220.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...