Ritorni e pance

Sono tornata in Kakania da una decina di giorni e per la dodicesima estate sono impegnata a insegnare italiano ai locali, un lavoro che amo moltissimo, anche se alcune annate mi vedono più tepida. Questa, per esempio. Non sono reduce dall’acquisto di una casa come due anni fa o da scatenate vacanze in giro per l’Irlanda o il Canada, come anni addietro, ma “solo” da un anno scolastico particolarmente pesante. A tal punto che avevo pensato di aprire un blog per aiutarmi a rielaborare le esperienze che avevo quotidianamente e che percepivo quasi sempre di segno negativo. Alla fine l’ha avuta vinta la pigrizia (o forse una sorta di timore).

L’anno scolastico nella dissestata scuola italiana è terminato e tra l’arrivo in Kakania c’è stato solo un breve lasso di tempo che è impossibile chiamare “vacanze”. Di qui, probabilmente, la mia fiacchezza e una certa gestione al risparmio di energie.

Quel che mi vivifica sempre è l’incontro con persone adulte nella loro diversità e nelle loro particolarità, liberi dalle pastoie burocratiche della scuola e soprattutto in un’età meno delicata. Forse avanzando con gli anni (o almeno questa è la mia speranza) riesco a trovare un piacere anche a contatto con i personaggi bislacchi e pesanti. Perché una persona eccezionalmente originale c’è in ogni corso. Quella del corso attuale è, paradossalmente, una strana creatura che si vanta di una congerie di lavori tra il giornalismo e la comunicazione, tra cui qualcosa come “consulenza di vita”. Ovviamente, a chiunque sembra che sia lei la prima ad avere bisogno di parecchie consulenze. È una donna sulla quarantina – ma forse anche meno, l’aspetto non la favorisce – che si muove a scatti e parla in modo ancora più ansioso e confuso. Dopo una settimana di lezioni non mi è riuscito di farle entrare in testa la semplice domanda “Cosa vuol dire…” e quando non capisce un vocabolo, quel che esce è una mitragliata di ripetizioni del vocabolo, tanto che è difficile inserirsi e dare una spiegazione. E parla, borbotta, ridacchia, sempre in tedesco, convinta di parlare italiano. Le illusioni sono una grande forza.

Quel che mi appaga e rallegra non è soltanto quanto guadagno in termini umani, ma anche lessicali. Sebbene sia io quella pagata per dare, c’è sempre un benefico ricevere. Oggi per esempio, durante uno di quei simpatici excursus che producono probabilmente effetti più profondi e duraturi di qualunque libro, e nella fattispecie durante una divagazione su uomini e amore (ho solo quattro allieve e, ovviamente, tutte donne), è balzata fuori l’espressione “maniglie dell’amore”, che ovviamente le ha mandate in sollucchero. E di seguito hanno tirato fuori loro due deliziose espressioni. Ecco cosa c’era sulla lavagna:

In tedesco si gioca tra il termine Waschbrettbauch, ovvero “pancia ad asse per lavare”, a indicare gli addominali scolpiti, effettivamente simili alle canalette sulle assi.

Il contrario è Waschbärbauch, ovvero “pancia da orsetto lavatore”, da procione. Sono così grassocci i procioni? Parrebbe di sì. Mentre per il primo – che viene chiamato anche Sixpack (pacco da sei, tratto dall’inglese, perché in genere sono sei i rigonfiamenti visibili) – ho suggerito “la tartaruga” come colorito corrispettivo in italiano, non ho saputo dire un buon traducente per Waschbärbauch.

E sì che tra gli uomini a me noti non c’è un solo Waschbrettbauch, ma molti Waschbärbäuche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...