Da cosa nasce cosa. Intanto è nato il 2° corso.

Ieri è iniziato il secondo corso. Il tempo vola. I livelli previsti erano A2 e B1. Come sempre queste sono gabbie che stanno bene sull’opuscolo, poi la realtà è franta e complicata. Su una dozzina di partecipanti (tra persone che arrivano dopo, indecisi e last minute è difficile dire quanti siano prima di mercoledì), era chiaro che ci dovesse essere un livello basso per accogliere la ragazzina che continuava il corso da principiante assoluto iniziato il 10. Ciò significa proporre un corso A1, il che è perfetto anche per la partecipante molto particolare che continuava il corso tenuto da me, un A1+. Ma chi altri aggiungere? Ogni persona che incontro ai corsi è un universo a sé, non soltanto per l’età che va dai 17 in su, ma per il percorso di studi, l’attitudine verso le lingue, le aspettative e il metodo di studio.

Anche il mio corso che deve essere di livello superiore vede una congerie di allieve (perché forse l’unico comune denominatore è il sesso, visto che abbiamo uno o due partecipanti di sesso maschile a corso, purtroppo, perché la diversità di genere porta spesso pepe nelle interazioni del gruppo e ciò facilita grandemente il lavoro dell’insegnante). Infine l’altro insegnante e io abbiamo deciso una suddivisione equilibrando test scritto – che in quanto multiple choice secondo me ha un grado di affidabilità molto basso – e interazione orale svolta durante un’ora di penoso “presentati”. Questo è un fattore di sicura criticità. Come disastroso è stato l’impiego di un lucido per un quiz sull’Italia a squadre: buono il quiz, ma ormai lo strumento lavagna luminosa è antidiluviano. Senza contare che a me è sempre stato tremendamente antipatico e forse ciò trapela.

Nel gruppo A2 (che è un A1) abbiamo messo le due persone che continuano, un’insegnante che ha studiato italiano trent’anni fa e due ragazzini delle superiori che sicuramente sono qui per tirar su qualche votaccio, personcine spinose perché essenzialmente pensano di “sapere” tutta la grammatica ma non spiccicano parola. Una poi ha detto candidamente che frequenta il corso perché speditavi dalla madre.

Nel gruppo B1 (A2) trovano posto due anzianotte che fanno corsi di italiano a ripetizione perché è il loro passatempo preferito, laddove una delle due è fluente ma la cosa è in qualche modo “compensata” da problemi strutturali dovuti all’età, probabilmente (questo dovrò scoprirlo con tatto) da un cattivo udito o da altri problemi “tecnici”, già evidenziati quando si è parlato di lettura (forse non soltanto non sente bene, ma nemmeno vede bene o non distingue bene le lettere o forse i caratteri sono troppo piccoli). Poi c’è una signora che è nell’età giusta per i miei studi, cinquantacinque anni, che sa bene il francese e lo spagnolo ed è la dimostrazione vivente di come si possa parlare una lingua neolatina sapendone bene altre due. A queste si aggiungono una donna sulla trentina che lavora in un albergo a Passo Pramollo e quindi ha a che fare continuamente con clienti italiani e una donna sulla quarantina, precisa e attenta, di cui si è capito solo che è single e che l’italiano potrebbe servirle per lavoro (ma la professione non l’ho colta).

Un gruppo maturo, insomma, che fin dal primo giorno ha espresso un grande e comune desiderio: parlare, parlare, parlare! Non hanno bene idea di come vada realizzato questo desiderio, ma in fondo sono là per questo: per farsi guidare da una persona esperta e competente. (E quella persona si sente gravata dalla responsabilità)

Vediamo come evolvono le cose. “Da cosa nasce cosa” è il primo modo di dire uscito fuori durante la plenaria.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...