Spataf(f)iate risparmiate e spataf(f)iate regalate

Quante spatafiate nell’ultimo mese, e molte sono state tutte mentali, fortunatamente, oppure a livello di ciancia lagnosa con qualche intimo, insomma, ho risparmiato di fare l’imbrattatela (laddove la tela non è quella dell’artista ma quella che ci ha cambiato la vita negli ultimi anni).

Spatafiata è la parola che mi sta portando più accessi che se avessi digitato paroline sconce e lascive. E il bello è che non ho idea da dove venga questa parola e quindi chi giunge qui con il desiderio, l’ansia, l’urgenza di sapere… viene tristemente deluso. Nei dizionari online non si trova. Ho visto che c’è la grafia con due “f” (qui potrebbe giocare il fatto che da veneta ho naturalmente problemi di geminazione…) e con spataffiata si trovano dotti riferimenti, tutti riassunti in questo thread di discussione.

Comunque, dove l’ho imparata? Perché fa parte del mio vocabolario? Forse non l’ho mai letta, visto che le testimonianze scritte sono così misere. Misteri del lessico.

Ieri sera il mio Personal Motivator mi ha scritto in chat: “è bellissimo sentirti parlare con così tanti vocaboli, che riesci sempre a trovare aggettivi nuovi e così bello e divertente…”. Il che mi ha sorpreso e poi, ovviamente, lusingato.

Gli raccontavo delle ultime miserie di questo lavoro in terra teutonica, ripreso lunedì scorso dopo una settimana di vacanze dalle quali sono tornata con uno stato d’animo radicalmente diverso da quello che avevo dopo le vacanze di Natale. Allora pensavo che il trasferimento a Ulma avrebbe portato frutti vistosamente positivi e per una settimana mi sono cullata nell’entusiasmo. Ora sono tornata con il gelo del conto alla rovescia, quanti mesi, quanti giorni, quanti singoli lunedì aberranti ancora? Ho calendari ovunque, sul piano della scrivania, davanti agli occhi sul muro (due persino, uno bello con i gattini, regalo del Personal Motivator, e una fotocopie con le vacanze della scuola di Roitlinga), calendari nel pc, calendari nelle agendine che poi dimentico di guardare…Ed è iniziato marzo, il mese più lungo. Meno 30 alle prossime vacanze.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...