Non ci sono le mezze stagioni

In Italia è una cantilena per vecchi e per creature querule, eh, un tempo c’era il suo bell’invernino, la cara primaveruzza, l’estataccia afosa e il mite autunno, ma ora, signora mia, non ci sono più le mezze stagioni!

Ma qui in Teutonia è semplicemente un’osservazione che si può per strada in questi giorni e di cui forse tengono conto i produttori di abiti e calzature, spero, o forse qui risparmiano sugli abiti da mezza stagione, quelle simpatiche cose dai colori pastello in primavera, il cardigan rosa antico, lo spolverino blu, quei capi color foglia morta in autunno, l’impermeabile marroncino, la maglietta di viscosa. Fatto sta che in gira per Ulma si vede solo abbigliamento estivo, ma proprio estivo. Quindi nei guardaroba teutonici ci sono la bardatura invernale e le cosette leggere dell’estate, senza fasi di trapasso, senza capi intermedi. In questi giorni di sole i bambini corrono felici nel sole con i calzini corti e la t-shirt, i ragazzi girano torvi con bragacce di tela e magliette, oggi alla fermata del bus è arrivata sui suoi dodici centimetri di tacco un donzella bionda, magliettina di cotonina scollata e zero calze, mi sono congelata nel vederla. Saranno stati i molti tatuaggi da esibire sulle braccia, per carità…

Io invece ho freddo, sono stanca, sono stufa della settimana e non ci posso credere di dover aspettare ancora due settimane piene prima di poter avere una tregua. Devo anche cambiare il guardaroba.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...