Gace e altre delizie

Stanotte la Nina si è svegliata e ha cominciato a invocare “nonna”. La sentivo dal mio letto, nel dormiveglia, e pensavo: ‘Che strano, non chiama mamma né papà’ . Immagino che sia il peso rilevante che stanno assumendo le nonne nella sua mente. Dopo aver fatto un povero tentativo di “inserimento al nido” in ottobre, ho disinserito mia figlia e per ora ricorro, con giudizio e ritegno, alle nonne per i giorni in cui lavoro. Mia madre è estasiata al sentirsi appellata in questo modo. Forse la Nina sta anche cercando di distinguere tra le due nonne – giustamente le articola già anche al plurale, per una sorta di inconsapevole prudenza – e mia madre è stata battezzata “nonna nana”, che immagino sia una deformazione di Ivana.

Caccapupu

Ho la sensazione che il linguaggio della Nina stia per esplodere. Ora che “acqua” viene pronunziato con un’ottima articolazione. “Latte” invece è ancora più “ate”, ma siamo sulla buona strada. “Qua” è il deittico imperante, non usato tuttavia solo per i luoghi prossimi bensì anche per “là”, e significa, volta per volta, ‘Portami in quel posto’, ‘Voglio rimanere in questa stanza’, ‘Mettimi sulla sedia della scrivania e fammi girare’ ecc. Di solito viene emesso con toni di vibrante pathos. Chiama perfettamente col suo nome la bambolaccia di pezza che porto in giro, per via della sua lavabilità rapida, e che ho battezzato Anna, da Anna dei capelli rossi. Fanno parte di un repertorio ormai collaudato il meraviglioso “gace”, perché da almeno un paio di mesi la Nina ringrazia a destra e a manca e usa “gace” anche per chiedere qualcosa o quando ci porge un oggetto. E poi “ciao” (con la variante “tao”), “pappa”, “nanna”, “pipì” e “cacca”, queste ultime due già scatenano l’ilarità, probabilmente perché le associamo sempre noi a risatelle ed esclamazioni di stupore, repulsione teatrale e divertimento. Ovviamente col padre mi bisticcio anche sulla cacca: io sono per la solidità dell’occlusiva velare sorda /k/, lui è per “pupù” che non appartiene al mio lessico familiare. A volte ricorro al titolo di un libro per bambini e faccio una bella parola composta, caccapupù. A me però sembrano predominare le occorrenze di “cacca”. A livello di competenza passiva, la parola “sederino” si è aggiunta a “braccia”, “gambe”, “collo”, “mento”, “guancia” (che ogni tanto però viene comprensibilmente confusa con “pancia”), “fronte”. “Sederino” nella collocazione “aria dal sederino”, anche questo, ovvio, fonte di grandi risate da ambo le parti. (Io faccio ancora la puritana, per quanto sia possibile, e contrasto la parola “culetto”, per non parlare dei termini più bassi che designano l’emissione di gas intestinali)

Quel che stavo aspettando è che la Nina dicesse il proprio nome. Nome che, per inciso, non è Nina, è un trisillabo con tanto di affricata alveolare sorda (una “z”, insomma) che forse un po’ complicato per una bambina. Da qualche tempo – non succede spesso, ma d’altronde, chi è chiama se stesso per nome? – capita che lei effettivamente lo dica. Se si vede allo specchio o in una foto e le si chiede: ‘Chi è quella?’, dice una cosa molto simile al suo nome, senza affricata ma con occlusiva dentale al suo posto (una “t”, insomma).

L’occlusiva dentale mi porta a un’altra considerazione. Data la sua fondamentale importanza, il ciuccio rientra tra i vocaboli di competenza attiva. La cosa buffa è che lo pronuncia quasi più come se fosse una anglofona che dice “tutto”, dunque con una occlusiva alveolare ( [t̪] ) e quando mi imita e ripete quel che dico, per esempio, “Ecco, ti sei sporcata tutta”, usa parimenti questa “t” da inglese.

HungryCaterpillarNo, non le leggo in inglese. Ho un unico libro in inglese, The Very Hungry Caterpillar, di Eric Carle (comprato a Berlino in questo tempio della cultura), un grande classico di grande bellezza, ma quel paio di volte che ho cercato di leggerglielo in inglese, mi è parsa irritata. Possibile? Medito di aggiungere a mano la traduzione in italiano e rimandare a più avanti gli altri tentativi in lingua. Mentre possiede alcuni libri in tedesco, regalo di un’amica austriaca, che sembrano piacerle molto e che sfoglia spesso con grande attenzione. Se cerco di leggerglieli, ascolta, ma – come con quelli italiani – è troppo impaziente di girare le pagine e non riesco a fare letture con capo e coda.

Ma il discorso sulle lingue è troppo lungo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...