Complessi

Stasera, guardando blob (e la settimana scorsa, leggendo l’Espresso), a veder certi insopportabili botoletti rabbiosi mi è sovvenuto di un botoletto del passato (mutatis mutandis…):

(…) a taluno è sembrato che disfattismo e fronda, i contrassegni della sua militanza fascista, e in più l’attitudine alla caricatura e alla beffa insieme con un terrorismo da snob depositario esclusivo delle regole del dover essere, non fossero fin dall’esordio se non l’arrogante, aggressiva compensazione della sua singolare piccola statura, di cui – dicono – soffrì atrocemente e che Cardarelli non risparmiò: Longanesi stanotte era infuriato – raccontava appunto il più caustico dei suoi amici -, ha passeggiato fino all’alba, su e giù, sotto il letto. (A. Andreoli, Leo Longanesi, Il Castoro, 1980, p. 34 seg.)

Annunci