Gott gebe mir die Gelassenheit

Quando muore qualcuno a noi ignoto, ma caro a qualcuno che ci è caro, non c’è vero dolore per la persona scomparsa, ma ce n’è molto per la persona che è cara a noi.

E così, quando poco tempo fa alla mia cara amica A. è morto il padre, non ho saputo dire niente.  Niente di sensato o anche solo convenzionalmente adeguato. Ci siamo sedute insieme e insieme abbiamo pianto.

Ma non aver saputo dire qualcosa ha continuato a pesarmi. E oggi, mentre camminavo verso il centro, mi sono fermata davanti a una libreria a guardare cartoline. Su di una c’era qualcosa che avrei voluto saper dire allora e l’ho dedicata e data ad A. Conoscevo la frase in italiano come detta da san Francesco di Sales, ma qui viene offerta come geflügeltes Wort, senza indicazioni d’autore:

Gott gebe mir die Gelassenheit, Dinge hinzunehmen, die ich ich nicht ändern kann, den Mut, Dinge zu ändern, die ich ändern kann, und die Weisheit, das eine vom anderen zu unterscheiden.

Annunci