Tingo & Co.

Me ne è arrivata notizia dalla Penguin, poi da «La Repubblica»: Dizionario delle parole impossibili – Modi di dire da tutto il mondo.

È la vita, sono le lingue. Che hanno […] una quantità di espressioni intraducibili se non con circonlocuzioni più o meno macchinose. “The Meaning of Tingo” (“Il significato di tingo” ovvero il modo in cui sull’Isola di Pasqua definiscono il “prendere in prestito cose dalla casa di un amico, una a una, sino a quando non gli resta niente”) è un libro appena uscito in Gran Bretagna che ne raccoglie un vasto e gustoso campionario. “Quello che ho cercato di fare – ha spiegato alla Bbc l’autore Adam Jacot de Boinod – è celebrare la gioia delle parole straniere senza dare giudizi e dire che, sebbene l’inglese sia una grande lingua, non dobbiamo sorprenderci che ce ne sono molte altre con termini che nei nostri dizionari non trovano equivalenti”.

Un paio di esempi:
mamihlapinatapei (Fuengian cileno) = “sguardo di intesa corrisposto tra due sconosciuti che però esitano a fare il primo passo”
latah (indonesiano) = l'”abitudine incontrollabile di dire cose imbarazzanti”
seigneur-terrasse (francese) = “qualcuno che trascorre molto tempo, senza prendere niente o quasi, in un caffè
pomicione (italiano) = pare che l’abbia inventato Alberto Moravia ma, nella cernita del libro, indicherebbe tutti quelli che cercano ogni occasione di contatto fisico con le donne
grilagem (portoghese brasiliano) = tecnica che consiste nell’altrimenti laboriosa perifrasi di “mettere un grillo vivo in una scatola di documenti appena falsificati sino a quando i suoi escrementi fanno sembrare invecchiata la carta”

Paese che vai, insomma, usanza – o stereotipo – che trovi. Con sapide segnalazioni dall’estremo oriente, dal cinese yuyin che cerca di fissare lessicalmente “la sensazione del suono che resta in un orecchio dopo averlo sentito” o il più prosaico ma plasticissimo bakku-shan che in giapponese sta a significare “una ragazza che sembra bella vista da dietro ma che non lo è quando poi la si guarda davanti”. Un concetto che anche in italiano conosce un non proprio elegante sinonimo gergale: “dietro liceo, davanti museo”. Più lungo ma non meno allegorico.

Qui il quiz messo online dalla Penguin.

Annunci

Witz

Barzelletta per tedescofoni, gentile regalo della cara A. Gli altri, tut mir Leid, ma non è traducibile.

– Was ist ein Surfer für einen Hai?
– Eine Brettljause.