Istantanee scolastiche

La scuola del lunedì e del martedì la vedo come un odioso arruffio di cose e bambini e adolescenti e insegnanti.

Arrivo alle 9.45 circa, durante l’intervallo lungo (große Pause), quello che dura venti minuti, e sia grazie a Dio, mi permette di poter prendere l’IC diretto a Karlsruhe delle 08.05 e non un treno ben un’ora prima. Sulla porta della sala professorir (Lehrerzimmer) c’è un cartello scritto a mano, Heute schon gegrüßt? Già salutato oggi? Non so chi l’abbia scritto, sicuramente qualcuno che si augurava ci fosse sempre cortesia tra gli umani che popolano la scuola. Invece non una voltasola, per fare un esempio di umana cortesia, mi sono trovata la porta sbattuta in faccia dal collega, con una dozzina di virgolette, che sgusciava nella stanza due secondi prima di me e che doveva non avermi visto frugare in borsa alla ricerca delle chiavi. Cose che capitano, è vero. Perchè in quei venti minuti c’è un baccano, una fretta, che mal si addice alla cortesia. Dentro c’è una teoria di visi parecchio torvi e qualche faccia tranquilla, la maggior parte dei docenti si assiepa attorno al tavolo grande a sinistra dell’entrata, dove quasi sempre qualcuno ha portato una focaccia, un dolce, del pane, qualcosa  da mangiare di cui tutti si servono. Non c’è bisogno di un’occasione, a quanto mi pare di capire, è un uso. I teutonici sono molto attaccati ai loro usi e costumi. Per esempio al rito del festeggiamento del compleanno del collega. Ho dovuto assistere ad agghiaccianti scene di persone attorno al tavolone della sala insegnanti che venivano celebrate da canti per me parecchio esotici, orchestrati da una maestra che a parer mio riproduce esattamente fattezze e sembianze della cattiva matrigna di Cenerentola, tutta intenta ad agitare le braccia per regolare i festanti colleghi. Sopra la fotocopiatrice – l’attezzo più usato in assoluto – c’è un calendario in cui mese per mese sono cerchiati i giorni dei compleanni, con tanto di foto dei Geburtagskinder nella parte superiore. Ovviamente io non c’ero, sarò o non sarò la forza lavoro gratis da usare come si vuole e che non merita considerazione?, ma hanno cercato di coinvolgermi comunque, quando è arrivato il mio mese natale, sicuramente perché faceva loro comodo aver più roba da mangiare. La cosa mi scocciava tanto da farne una malattia. Ma nel senso letterale della parola: infatti mi sono ammalata e ho saltato la giornata, con sollievo.

Non ricorderò questa scuola con gioia. Brutto è stato l’inizio e brutta la continuazione. È una scuoletta di periferia, con un’utenza da periferia e sospetto anche un corpo docente da periferia. Una Grundschule (scuole elementare) e insieme una Hauptschule, e Hauptschule è un tipo di scuola che ti bolla come fallito precoce da queste parti. Se vali qualcosina puoi andare alla Realschule (più o meno un nostro tecnico), se vali qualcosa a un Gymnasium (più o meno il nostro liceo), se ti valutano una nullità resti nella tua scuoletta e fai l’Hauptschule, una scuola di cinque anni per disgraziati, casualmente la scuola dove finisce la maggior parte degli stranieri.  L’elemento inquietante in tutto ciò è che la persona viene condannata a un futuro scadente o promossa a un possibile futuro brillante dopo soli quattro anni di scuola, quando ha la bellezza di dieci anni. Allora, o si ha un genitore combattivo e capace (anche linguisticamente) di far valere le proprie ragioni, che non sono sempre vaneggiamenti boriosi di genitori ciechi, oppure sei fritto, nel bel paese di Teutonia.

La scuola del mercoledì era una forma particolarmente invasiva di questa Hauptschule: piena zeppa di turchi e di testine convinte di essere scarti cerebrali (spesso, temo, a ragione).  I turchi li preferisco nei romanzi, dal vero me ne starei lontana. Infatti il corso che tenevo come Arbeitsgemeinschaft (leggi: corso pomeridiano facoltativo, qundi da non prendere sul serio in nessun caso) in quella Hauptschule è morto dopo aver stentatamente vissuto qualche mese.

Sono passata dunque alla scuola del giovedì, che ora è la scuola del mercoledì e del giovedì: una Realschule a due passi da casa mia, basta passare per l’alter Friedhof, il parco che era il vecchio cimitero della città, diventato in questa stagione un meraviglioso bosco frondoso, mercoledì scorso profumato di erba tagliata. La Realschule ha di buono un preside che assomiglia vagamente al famoso ritratto del più illustre figlio di Ulma, una brava persona che davvero ama i suoi allievi (perché qui i presidi insegnano, a differenza che da noi) e che è ormai all’ultimo anno di carriera.

Son tutte brutte le scuole del mondo? La brutta scuola del mercoledì mi era parsa interessante almeno nell’organizzazione degli spazi e dei materiali: ci sono tante cose che in Italia non ho mai visto, i ragazzi lasciano i quadernoni con i loro nomi e i loro materiali, ma c’è la lavagna dove sta scritto chi è di corvée con la pulizia della lavagna, lo scopettino per spazzare l’aula, la carta da buttare nel riciclo ecc., le foto della gita, le immancabili regole della classe (per quel che valgono agli occhi dei ragazzi…), annunci di tirocini, cartelloni, tazze e fornelletto, poster e locandine di film, tentativi di haiku, cd, giornali e riviste, cartine geografiche, quaderni e fogli puliti, forbici, colla, puntine, pinzatrici ma anche colori e fogli da disegno, un divanetto e il calcio balilla. Ma tanto ai ragazzi la classe non piaceva comunque.

L’aula in cui sono al giovedì è brutta come sono brutti gli ambienti non amati. Alle pareti ci sono solo un paio di pagine di riviste con le facce e le gambe di due calciatori (Torres e un altro, chissà). Ambienti non amati dall’insegnante, anche e forse in primo luogo. C’è una piantina stentata che forse preferirebbe stare nel Sahara che là. Fogli dimenticati o buttati per terra e già adorni di impronte di scarpe ginniche, libri buttati sul davanzale interno delle finestre, qualche volta una calcolatrice abbandonata, bottiglie semivuote, cartacce, tentativi fasulli di pulizie nell’angolo. Gessi non ce n’è mai, o ricordo di portarmene io qualche pezzetto nell’astuccio o è la disperazione. Ma i banchi vanno rimessi come sono stati trovati e la lavagna ripulita, pena l’ira funesta dell’insegnante di classe.

La scuola del venerdì pomeriggio puzza di piscio. Ne senti l’agra zaffata salendo le scale, spesso addobbate di rimasugli di merende – una fettina di cetriolo o di salame, un pezzo di pane  -, per il resto la scuola è deserta, ne sono scappati tutti a mezzogiorno. L’aula diventa più squallida man mano che l’anno avanza. C’è un ragazzo (lo suppongo di sesso maschile, sicuramente a ragione) che da qualche tempo ormai lascia il banco esattamente com’è nel momento in cui suona la campanella: il quaderno malconcio aperto, i libri affastellati malamente sul ripiano, l’astuccio , lo zainetto appeso al gancio laterale semiaperto. Poco dopo deve aver contagiato anche il compagno di banco che ha iniziato a imitarlo, anche se meno compiutamente. I banchi sono lerci, oggi uno aveva il trofeo di una cingomma.* A Ulma si annaspava con trenta inusualissimi gradi e l’aula era una trappola in cui tutti si sventagliavano con i quaderni e protestavano acuti malesseri.

Quando finisco il venerdì i ragazzi spariscono in un baleno, solo a volte riesco a trattenerli per indurli a sistemare i banchi (sempre per il principio che lasciarli non nell’ordine trovato costituisce reato quasi penale), e la donna delle pulizie mi aspetta paziente per finire di rassettare la scuola. Scambio due parole con lei, cercando di cogliere il senso delle sue fortemente modificate dall’accento, metto via le palate di libri che mi porto via non sapendo mai chi verrà e dunque su che livello impostare il corso, e stancamente finisco la settimana. Libera dalla puzza di piscio e dalla settimana lavorativa.

* Una nota sulla cingomma. Che bella parola! Non ricordavo di averla sentita in Italia, sicuramente non è in uso dalle mie parti, dove l’ho sempre chiamata semplicemente gomma, o forse al massimo ciunga (mimesi fonestica di chewingum), o più recentemente cicca. Lo dicono gli allievi, anzi, alcuni di loro, e mi piace parecchio.

Annunci

Non ci sono le mezze stagioni

In Italia è una cantilena per vecchi e per creature querule, eh, un tempo c’era il suo bell’invernino, la cara primaveruzza, l’estataccia afosa e il mite autunno, ma ora, signora mia, non ci sono più le mezze stagioni!

Ma qui in Teutonia è semplicemente un’osservazione che si può per strada in questi giorni e di cui forse tengono conto i produttori di abiti e calzature, spero, o forse qui risparmiano sugli abiti da mezza stagione, quelle simpatiche cose dai colori pastello in primavera, il cardigan rosa antico, lo spolverino blu, quei capi color foglia morta in autunno, l’impermeabile marroncino, la maglietta di viscosa. Fatto sta che in gira per Ulma si vede solo abbigliamento estivo, ma proprio estivo. Quindi nei guardaroba teutonici ci sono la bardatura invernale e le cosette leggere dell’estate, senza fasi di trapasso, senza capi intermedi. In questi giorni di sole i bambini corrono felici nel sole con i calzini corti e la t-shirt, i ragazzi girano torvi con bragacce di tela e magliette, oggi alla fermata del bus è arrivata sui suoi dodici centimetri di tacco un donzella bionda, magliettina di cotonina scollata e zero calze, mi sono congelata nel vederla. Saranno stati i molti tatuaggi da esibire sulle braccia, per carità…

Io invece ho freddo, sono stanca, sono stufa della settimana e non ci posso credere di dover aspettare ancora due settimane piene prima di poter avere una tregua. Devo anche cambiare il guardaroba.

Fanno il giro da dietro e ci arrivano anche loro

Le giornate si allungano che è una bellezza, il clima ulmense non è forse il massimo (ieri mattina c’era foschia e un freddo penetrante tale da costringermi a rimettermi i guanti) ma anche qui si vivono giornate di sole e di tepore, che ovviamente per un teutonico medio è già arsura, infatti ieri sono arrivati al corso ragazzini vestiti come i nostri a giugno. Un effetto collaterale delle giornate più lunghe è che la mancanza di tende scure inizia a farsi pesante. Amo dormire nell’oscurità più assoluta, ora a orari pre-sveglia ho il sole in camera, ancorché di sguincio, per fortuna.

Così mi tocca alzarmi praticamente con gli stessi orari di Hitlera la quale ha una ferrea tabella di marcia: ore 7.15 cacata mattutina, ore 7.20 doccia, ore 8.00 uscita dalla baracca. Be’, no, su questo ultimo orario è meno militare, solo la cacata è il punto di riferimento dell’intera giornata e qui si vive nel terrore: e se una volta dovessi andarci io, alle 7.15, perché magari le mie ribelli viscere me lo impongono? Penso che scoppierebbe la terza guerra mondiale. Ma per ora regna una simil-pace nella WG di Via della Pace e io mi sono preparata la colazione mentre Hitlera era nello stambugio della tazza e ho mangiato mentre lei era sotto la doccia. Purtroppo non è un’esperienza esaltante, perché Hitlera, come ogni vero soldato che si rispetti, snarocchia e produce rumori molesti sotto la doccia e col boccone in gola non è un bel sentire. La dura vita della caserma. Insomma, ho acceso la radio per straviarmi un po’ e ho sentito la notiziona.

Ovvero che i teutonici hanno fatto tutto il giro del mondo per arrivare alle nostre conclusioni, in fatto di sostegno alla famiglia. Nidi costosi e limitati, ambo i genitori che lavorano, il tempo è poco, come si fa? I nonni!!! Pensa, è il principio cardine del welfare italiano per i piccoli da sempre, nido-nonna, nonna da sfruttare biecamente al posto di una baby sitter, nonno che accompagna, nonna che prepara da mangiare ecc ecc. Ehi, expats che credete di venire in Teutonia e trovare il paradiso ove prolificare in agio e tranquillità statale, forse le cose cambieranno.

Spataf(f)iate risparmiate e spataf(f)iate regalate

Quante spatafiate nell’ultimo mese, e molte sono state tutte mentali, fortunatamente, oppure a livello di ciancia lagnosa con qualche intimo, insomma, ho risparmiato di fare l’imbrattatela (laddove la tela non è quella dell’artista ma quella che ci ha cambiato la vita negli ultimi anni).

Spatafiata è la parola che mi sta portando più accessi che se avessi digitato paroline sconce e lascive. E il bello è che non ho idea da dove venga questa parola e quindi chi giunge qui con il desiderio, l’ansia, l’urgenza di sapere… viene tristemente deluso. Nei dizionari online non si trova. Ho visto che c’è la grafia con due “f” (qui potrebbe giocare il fatto che da veneta ho naturalmente problemi di geminazione…) e con spataffiata si trovano dotti riferimenti, tutti riassunti in questo thread di discussione.

Comunque, dove l’ho imparata? Perché fa parte del mio vocabolario? Forse non l’ho mai letta, visto che le testimonianze scritte sono così misere. Misteri del lessico.

Ieri sera il mio Personal Motivator mi ha scritto in chat: “è bellissimo sentirti parlare con così tanti vocaboli, che riesci sempre a trovare aggettivi nuovi e così bello e divertente…”. Il che mi ha sorpreso e poi, ovviamente, lusingato.

Gli raccontavo delle ultime miserie di questo lavoro in terra teutonica, ripreso lunedì scorso dopo una settimana di vacanze dalle quali sono tornata con uno stato d’animo radicalmente diverso da quello che avevo dopo le vacanze di Natale. Allora pensavo che il trasferimento a Ulma avrebbe portato frutti vistosamente positivi e per una settimana mi sono cullata nell’entusiasmo. Ora sono tornata con il gelo del conto alla rovescia, quanti mesi, quanti giorni, quanti singoli lunedì aberranti ancora? Ho calendari ovunque, sul piano della scrivania, davanti agli occhi sul muro (due persino, uno bello con i gattini, regalo del Personal Motivator, e una fotocopie con le vacanze della scuola di Roitlinga), calendari nel pc, calendari nelle agendine che poi dimentico di guardare…Ed è iniziato marzo, il mese più lungo. Meno 30 alle prossime vacanze.

Coincidenze

E’ una coincidenza solo se, per puro caso, la prendi. Quest’anno resterà memorabile nella mia vita per il numero di treni presi, persi, agognati, desiderati, maledetti e stramaledetti. Comunque, da Ulma a Hall in Tirol dovevano essere due cambi, sono diventati tre, perché il primo treno era in ritardo, e a ogni cambio una corsa e un affanno, e quando sono scesa dalla Schnellbahn a Hall e ho visto arrivare il gigante caracollando giovialmente nel suo giubbotto blu, non mi pareva vero.

Pazzie assortite

In una fredda e umida mattina domenicale di fine gennaio – sono i giorni della merla, il gelo è previsto – finalmente faccio il punto della situazione.

La settimana è stata sgradevole, e se dico “sgradevole” è perché ho la tranquillità di sentirmi lessicalmente molto raffinata. Lunedì e martedì sono due giornate che mi riducono in poltiglia e poi mi trovo senza forze per tutto il resto della settimana. Durante una supplenza annuale, due anni fa, ho avuto lunedì libero e devo dire che mi piaceva parecchio, il lunedì è legato a così tante sensazioni negative che poter rimandare di un giorno l’inizio mi pareva sempre un sollievo e anche un po’ un bel “tiè” al resto del mondo che, brontolando e digrignando i denti, doveva andare incontro all’odioso inizio settimana.

Invece lunedì scorso sveglia alle 5.45, purtroppo c’era già Paranoia sparsa per la cucina che aveva deciso che io dovevo prima andare alla toilette e poi al bagno, o al contrario, non ricordo più, fortunatamente (voi sapete sì che in Teutonia una cosa è il bagno e una cosa è il cesso, no? Già questo fa dei teutonici un popolo di disgraziati, ma qui cerco di avere comprensione, perché la casa è un Altbau). Alle 6.41 tram. Alle 6.59 primo treno, un IC fortunatamente meno pieno della settimana precedente. Alle 7.49 Schnellbahn da Plochingen a Wendlingen. Alle 8.01 treno regionale fino a Roitlinga. E alle 8.30…bus? No, niente bus. Warnstreik, ovvero sciopero di avvertimento.

Mannò! Quando il viaggio è organizzato al minuto secondo, il minimo intoppo distrugge il domino, pensavo di avercela fatta quando sono arrivata di corsa alla fermata del bus, ma ovviamente non avevo idea dello sciopero. Questo è un altro svantaggio di abitare in un’altra città. Ho pensato di prendere un taxi, perché la scuola non è così lontana, purtroppo però sono quindici-venti minuti a piedi, anche a causa della salita non dolcissima per il primo tratto. E io come sempre avevo una quantità di carta sulle spalle che non favoriva l’ascesa. Ma poi ho visto un bus arrivare, vuoi vedere che esistono i crumiri* anche qui? Salgo e accidenti, restiamo bloccati dentro il mezzo a due passi dalla fermata successiva a causa delle manifestazioni degli scioperanti, perché l’autista non ci può far scendere in mezzo alla strada (ovvio, se ci becca un’auto, commenta una snervata passeggera, poi ne risponde lui). Io intanto telefono e parlo con la vicepreside, che avverta per favore l’insegnante con cui dovevo cominciare quel giorno. Sì sì, fa lei. Infine, una volta liberati dal bus, tra pezzi a piedi sotto la pioggia (e l’ombrello l’avevo lasciato a Ulma) e un bus preso al volo, arrivo con mezz’ora di ritardo e la faccia della maestrucola è un inceneritore naturale. Perché solo dopo vengo a sapere che la vicepreside si è dimenticata di avvertire e si sa, in Teutonia il ritardo è di per sé peccato capitale, se poi nemmeno ci si premura di avvertire, tanto vale suicidarsi prima.

Con simili presupposti e dopo aver lavorato senza interruzioni fino alle 17.30, quando sono arrivata a casa, verso le otto di sera, non avevo sicuramente voglia di sentire le lamentele croniche di Paranoia e l’ho evitata. Credo che per lei , la quale vede congiure e intrighi ovunque, sia stato il segnale che ero passata dall’altra parte della barricata o chissà cosa, fatto sta che il nostro rapporto è vistosamente precipitato. Per tutta la settimana si sono accumulati problemi, nottate con scarso sonno e di pessima qualità, fastidi fisici e Paranoia si deve essere convinta che io ce l’abbia con lei. Il che non è del tutto inesatto, ma semplicemente non avevo più voglia di sentire altri flussi negativi anche finito il lavoro.

Martedì è stato relativamente leggero, senonché mi è saltato in mente di fare la paladina del terroncello che seguo e cui dovrei insegnare tedesco in supporto alla docente della Vorbereitungsklasse, una classe dove vengono raccolti tutti gli stranieri che arrivano alla scuola e vi si insegna tedesco e quel poco di matematica basica, orari ridotti (iniziano quasi sempre alla seconda ora e alla quinta di solita hanno finito), a me pare una pacchia, ma i miei due siculi è già carcere duro ex art. 41-bis comma 2. Il terroncello è stato beccato, grazie a un simpatico e ben rodato sistema di avvertimenti incrociati, insomma, una altezzosa e alta tirocinante delle elementari ha fatto la spia, al di fuori del cortile scolastico. Nota con punizione seguente:  restare nel pomeriggio e aiutare l’Hausmeister. È interessante il sistema delle punizioni teutoniche che per ora riesco a cogliere solo a sprazzi: Strafarbeit del tipo scrivere trenta volte frasi insulse come “Non devo disturbare continuamente a lezione”

oppure nachsitzen che il dizionario traduce con “restare a scuola per castigo” (pensa te, una parola del genere quasi me l’ero dimenticata, castigo**!), ovvero restare oltre l’orario scolastico, ma non so ancora a far cosa, oppure appunto dover tornare nel pomeriggio a fare lavori indicati dall’Hausmeister.

Dovrei aprire una parentesi sull’Hausmeister. I miei due siculi lo traducevano con bidello, ma sorry, è troppo poco. È vero che lo strapotere delle bidelle nelle scuole italiane meriterebbe trattati sociologici, ma un Hausmeister è una specie di deità scolastica, è il padrone di fatto della scuola. È colui che assolutamente non pulisce, ma ripara danni se ci sono e soprattutto è il custode, quello che possiede tutte le chiavi, quello cui bisogna andare in atteggiamento debitamente gentile e riguardoso per farsi concedere la possiblità di usare le aule, cui bisogna dichiarare nome, cognome, indirizzo e numero di telefono e quello da cui spesso noi disgraziati insegnanti gratis di italiano dipendiamo per riuscire a fare partire un corso. L’Hausmeister è dipendente della città, ha determinati orari e può essere più o meno malleabile (è “colante”, kulant…***), quindi dare il permesso di usare la scuola anche se lui non c’è o fare l’assertivo e dire che a una certa ora devi essere raus, fuori, e non ci sono santi.

Ma per tornare al mio inutile impegno per persone poco utili. Il ragazzino si è lamentato con me asserendo che, essendo già stato beccato una volta, la lezione l’aveva imparata e che questa volta non era vero che fosse al di fuori del cortile. Ho cercato di fargli capire che non potevo fare molto, soprattutto per il fatto che non ero presente e non potevo dire niente. Ma le sue insistenze erano tali che gli ho voluto dare la possiblità di parlare con la professoressa per tramite mio (vedi che brutto essere afasici in un paese straniero e sentirsi in balia). Il risultato non è stato esaltante, l’insegnante si è definitivamente inalberata e avrà anche pensato di me che sono davvero della stessa pasta infida e insulsa dei due poveri terruncelli. In verità io volevo solo evitare che il ragazzo passasse dall’entusiasmo iniziale per la scuola, già in fase di calo, all’avversione totale, perché se inizia a odiare anche questa scuola, è bello che spacciato. E infatti… Ma vedremo.

Mercoledì la goccia che ha fatto traboccare il mio vaso turco: questa Arbeitsgemeinschaft è da chiudere. Peccato che non riesca a trovare qualcosa per rimpiazzarla, nonostante stia tramando da almeno dieci giorni con alcune mezze italiane ulmensi molto brave che potrebbero darmi il destro di creare un altro corso. Quando la cosa arriverà al capo, scoppierà una bomba. Ma sono così stanca di questa gente che per quel che mi riguarda potrei anche licenziarmi seduta stante.

Giovedì e venerdì sono stati abbastanza normali, ma le ombre di questi corsi malconci e tutta la fatica accumulata nei primi due giorni della settimana, oltre ai malesseri fisici, hanno lavorato molto contro il mio buonumore. Hitlera è via da giovedì per un qualche corso nella Frisia orientale, Paranoia l’ho vista ieri sera ma poi è sparita sbattendo la porta e senza salutare, dopo essersi informata se era passato il suo alleato nella WG, ovvero quello che mi ha preceduto, T., uno spilungo di due metri che è passato ieri e ha cercato, pure lui, di aizzarmi contro Hitlera che definisce una “sociopatica”, ma io non ci sto, gliel’ho detto, e spero che abbia colto il sottotesto: Ma mi lasciate in pace con le vostre insopportabili beghe?

Certo che questa è una WG di pazze. Sentenziò la pazza italiana.

* crumiro
dal francese kroumir, e questo dall’arabo volgare Khrumīr ( dall’arabo classico Khumair,, nome degli abitanti della regione tunisina della Crumìria, noti soprattutto per le loro scorrerie; il termine fu usato per la prima volta, in Francia in segno di disprezzo per gli operai che accettarono di lavorare nonostante l’ordine di sciopero (da)

** castigo
Se l’idea è che il castigo renda casti, a scuola non ci siamo affatto, neh.

*** kulant
Questa parola mi diverte e soprattutto non penso di averla mai usata prima di averla sentita dire da una che mi avrebbe volentieri affittato un appartamento carinissimo a Bad Cannstatt, che diceva che il padrone di casa era molto kulant. I dizionari lo riportano come linguaggio economico, ma evidentemente l’uso è anche quotidiano.

kulant adj com
1 (entgegenkommend) {GESCHÄFTSPARTNER, KAUFMANN} accomodante, condiscendente, compiacente, elastico: kulante Zahlungsbedingungen, condizioni di pagamento oneste
2 (annehmbar) {PREIS} accettabile, onesto.

Etimologia: kulant viene dal francese coulant, fluido, liquido, ma anche flessibile,  sciolto, cortese, dal latino colare.

Altro che tesi di laurea…

Con una buona dose di faciloneria e di approssimazione, mi verrebbe da dire che non c’è bisogno di grandi studi per capire come mai dalla cultura tedesca, così gravida di filosofia, filologia, archeologia, musica, matematica, fisica e chimica, sia potuto evolvere il nazismo. Basta vivere un po’ insieme ad alcuni abitanti di questo largo paese. Perché se i tedeschi sono come le due coinquiline, si spiega da sé: una maggioranza di saccenti megalomani e tirannici, alla ricerca dell’affermazione di sé tramite l’annichilimento altrui, come Hitlera, e una minoranza di pavidi, inetti, magari rabbiosi ma succubi, individui incapaci di gestire le loro miserie e di trasformare il borbottio e la lagna in azione oppositiva, come Para-Medica.

E io che dicevo di aver affrontato il tema del nazismo nella mia tesi per capire questo terribile contrasto tra cultura e fascismo. Sarebbe bastato fare prima l’Erasmus in Germania e avrei potuto scegliere un altro argomento.