Ritorni da vamp

Novembre è iniziato, con un certo numero di buoni propositi da parte mia. Tra questi, riprendere a bloggare, con giudizio ma anche regolarmente. Capito, o voi che non lo seguite? Come darvi torto, d’altronde.

I motivi della pausa sono molteplici, non da ultimo mi sono lasciata vampirizzare da Facebook che sta al blog come la televisione al libro: una forma di pigrizia intellettuale. A proposito di vampirizzare, eccolo qua, cadeau dello Zingarelli, parole del giorno del 31 ottobre. Fortunatamente ci siamo lasciati alle spalle gli scimmiottamenti halloweeniani.

vampiriẓẓàre // [da vampiro ☼ 1986] v. tr.
1 Dissanguare, esaurire (spec. fig.).
2 (fig.) Monopolizzare l’attenzione dello spettatore di uno spot pubblicitario, distogliendola dal prodotto reclamizzato | (fig.) Far proprio, fagocitare: vampirizzare i concetti di una cultura diversa; SIN. Incorporare.

Da notare che il verbo è relativamente giovane. Invece, indovina indovinello, da dove viene la parola vampiro, attestata dal 1749? Dal serbo è passatao al tedesco e a noi è arrivata per tramite del francese.

vampìro // [fr. vampire, dal ted. Vampir, a sua volta dal serbo vampir ☼ 1749]
A s. m. (f. -a, raro -essa)
1 Nelle credenze popolari, spettro che abbandona di notte la tomba e assale i viventi, per succhiarne il sangue.
2 (zool.) Genere di Chirotteri che si nutrono di insetti e frutta oppure che provocano leggere ferite ad altri animali e ne lambiscono il sangue.
3 (fig.) Dissanguatore, strozzino, sfruttatore. 4 (scherz.) Donna vampiro, vamp.
B agg. ● (fig.) Vampiresco: sguardo vampiro; fisco vampiro.

Se cerco nell’etimologico del Duden, non trovo Vampir, ma Vamp, donna seducente, sensuale e spesso fredda calcolatrice. Non avevo mai collegato la gelida arrapatrice al vampiro, eppure il collegamento è lampante.

Vamp: Die Bezeichnung für eine verführerische, erotisch anziehende, oft kühl berechnende Frau (besonders als Typ des amerikanischen Films) wurde im 20. Jh. aus gleichbed. engl.-amerik. vamp entlehnt. Dies ist eine Kürzung aus engl. vampire Vampir, das – wie unser Vampir (18. Jh.) – aus serbokroat. vampir Verstorbener, der nachts aus dem Grab steigt, um Lebenden Blut auszusaugen stammt.

Annunci